La psicologia energetica

La Psicologia Energetica è una pratica che si sta diffondendo sempre di più a livello mondiale per la sua semplicità d’intervento e per  i risultati positivi che si ottengono praticandola.

Essa coniuga varie tecniche psicoterapeutiche con i principi dell’agopuntura e della kinesiologia applicata.

La sua principale caratteristica è quella di abbinare alle strategie comunicative, in gran parte derivate dalla PNL, la tecnica del picchiettamento o del massaggio di determinati punti, generalmente quelli inziali o terminali dei meridiani cinesi di agopuntura.

Questi sono associati a determinate emozioni , sensazioni negative, credenze depotenzianti  che possono così essere trasformate positivamente e questo permette di risolvere i problemi psicologici e psicosomatici che ne sono derivati.

Molte sono le varianti tra cui TFT (Thought Field Therapy) di Roger Callahan ed EFT (Emotional Freedom Techniques di Gary Craig, PEAT ( Auro Tecnologia Psico Energetica) di Zivorad Slavinsky, Psych-Plus di Antonio Origgi, Psych-K di Robert M. Williams, DMT  (Dynamind)  di  Serge Kahili King, ecc.

Anche la kinesiologia applicata, tecnica diagnostica e terapeutica sviluppata negli anni ‘60 del secolo scorso da George Goodheart, ha caratterizzato questo nuovo approccio psicologico. Si tratta di una tecnica che si basa essenzialmente sul test muscolare.

In Psicologia Energetica il test muscolare viene usato come una sorta di codice binario si-no, che permette di comunicare con il corpo ricevendone risposte precise.

Maria Paola Sepiacci

Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.